I lead management per aumentare le vendite

I lead management per aumentare le vendite
Tempo di lettura: 4 minuti
Home » The Atlas Technologies Blog » web marketing » I lead management per aumentare le vendite

Nel 2022 il lead management è una componente fondamentale del marketing, riguarda un processo di acquisizione e organizzazione da più fonti e comprende: la qualificazione, la distribuzione ai rappresentanti di vendita, il monitoraggio e la vendita delle interazioni online e offline come per esempio le mail, click sugli annunci, visite ai siti web, telefonate e call.

Per le aziende risulta fondamentale la lead generation, è necessaria per comprendere le esigenze del cliente e aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi.

Un semplice modo per gestirli è attraverso l’uso del CRM, che riduce il lavoro manuale per l’attività online migliorando l’esperienza del cliente.

É necessario fornire ai clienti le informazioni di cui hanno bisogno per continuare attraverso il funnel.

Che cos’è il funnel marketing?

Il funnel marketing è un modello tradizionalmente impiegato per descrivere e analizzare il percorso compiuto dal consumatore nel corso del processo di acquisto. Dalla consapevolezza dell’esistenza di un determinato prodotto, all’acquisto dello stesso.

Quindi il funnel marketing è essenziale nella nostra strategia di lead management.

I lead management e lead generation in pochi semplici passaggi

La prima azione da fare è quella riguardante la pubblicità e l’effettiva lead generation, solo successivamente avrà inizio il processo di gestione del potenziale cliente. É fondamentale capire chi è davvero interessato al nostro servizio.

processo di gestione lead management
Processo di gestione lead management

Lead management vs lead nurturing

Una buona strategia di marketing si focalizza sulla gestione e sul mantenere vivo i nuovi clienti. Essa può essere senza dubbio uno strumento utile per far crescere il fatturato dell’azienda, generando maggiori vendite e contatti di interesse.

Si parte dall’attivazione di campagne social per attrarre traffico e convertire i lead validi, necessario l’aggiunta del tasto CTA, che ci fa atterrare in una leading page con un form al suo interno.

Una volta raggiunta la fase di lead generation bisogna passare alla cura della relazione istaurata e cioè in comunicazioni one-to-one. Non è detto però che l’acquisizione di contatti porti nuovi clienti ma ci sono buone probabilità se ci si affida a degli esperti del settore come Atlas.

Bisogna essere in grado di coccolare il cliente e guadagnare la sua fiducia mese dopo mese. Per evitare che i contatti dei nuovi clienti possano finire nel dimenticatoio è importante capire cosa si intende per lead nurturing.

Lead nurturing

La lead nurturing è l’insieme delle attività e iniziative che puntano alla creazione di un rapporto con i lead, interessato a un prodotto o servizio, attraverso l’invio di contenuti rilevanti e personalizzati in base ai loro interessi.

Lo scopo della lead nurturing è sempre e soltanto uno, trasformare i lead in clienti.

Come anticipato prima sono vari i modi che possiamo adottare per nutrire le relazioni con i clienti, per esempio attraverso l’utilizzo di email marketing, inbound marketing, content marketing e social media marketing.

L’email marketing permette una comunicazione confidenziale e privata. Può considerarsi una fonte di informazione se hanno i contenuti giusti. Molte aziende hanno adottato anche la mailing automation, che consente di velocizzare il processo di invio a una lista estesa di contatti.

Al contrario l’inbound marketing è formato da una serie di tecniche e strategie nella direzione di un business, al contrario di vecchi metodi outbound.

Questo si concentra sulla creazione di contenuti di qualità come articoli blog e SEO che fungono da calamite per i potenziali clienti attraverso la lead nurturing.

Il social media Marketing (SMM) è uno strumento indispensabile per tutte le aziende che vogliono rafforzare la brand awareness conosciuta anche con il nome di piramide di Aaker.

Piramide di Aaker o brand awareness per il marketing
Piramide di Aaker

L’obiettivo del lead management e del lead nurturing

Quindi come detto finora l’obiettivo è acquisire tanti clienti, che automaticamente ci porteranno ad un aumento del fatturato. Acquisire clienti non è per niente una mission impossible. Acquisire nuovi clienti è un gioco di strategia e bisogna giocarsi sempre la carta migliore come in una partita di poker.

Il problema grosso è quello della conversione dei lead in clienti. Secondo una ricerca recente sono ancora basse le percentuali di conversione e questo solo perché non vi è una giusta gestione dei contatti.

Una buona mission ci porta a targhettizzare il cliente. É giusto individuare le varie tipologie di acquirenti e quali sono le loro caratteristiche in base al punto di vista demografico, naturalmente delle sue esigenze, delle esigenze che si trova ad affrontare e volere risolvere, della sua istruzione e del suo comportamento.

Targhettizzare il cliente tramite piattaforme ADS è una delle cose principali da fare per ottimizzare la strategia di lead generation.

Video strategy per lead generation

Video strategy per fare lead generation è uno strumento di content marketing. I video strategy sono contenuti di pochi secondi che mettono in luce il tuo brand, il tuo modo di lavorare, in poche parole il tuo bene o servizio. Servono ad attirare l’attenzione del potenziale cliente e fare il modo di aumentare le interazioni e la permanenza sul tuo sito (in media la permanenza deve essere di 30 secondi), questo comporta anche una migliore posizione su Google e quindi una buona valutazione per la SEO. Un video, come altri contenuti multimediali potrebbe portare sicuramente una copertura maggiore rispetto a una pagina in cui ci sono solo parole.

L’importante è sempre avere bene in mente l’obiettivo finale per fare un video strategy efficace.

Una buona strategia di video emozionali è di riuscire a convertire oltre il 70% di potenziali nuovi clienti per la tua azienda. I video spot pubblicitari della tua azienda diventano virali perché condivisibili sulle varie piattaforme social come Instagram, Facebook, Whatsapp, YouTube ecc…

I video virali per la tua azienda ci permettono oltre che fare delle presentazioni anche dei tutorial e corsi/webinar.

Se vuoi fare un video spot pubblicitario per la tua azienda e non sai come produrlo e farlo diventare virale, compila il form per ricevere una consulenza gratuita senza impegno.

Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

b